lunedì 18 marzo 2013

Uscire dal Credit Crunch si può: la Banca di Inghilterra spiega come!

Ecco la traduzione del documento pubblicato dalla Banca di Inghilterra sul suo sito ufficiale. L'ho tradotto sperando che Bersani Grillo e Berlusconi lo leggano.  Cliccando sul Link potete andare al documento originale.


Nel marzo 2009, il comitato di politica monetaria (MPC) ha annunciato che avrebbe ridotto il tasso ufficiale di sconto al 0,5%. Il Comitato ha inoltre ritenuto che il tasso ufficiale di sconto non possa, praticamente, essere ridotto al di sotto di tale livello, e al fine di dare un ulteriore stimolo monetario per l'economia, ha deciso di intraprendere una serie di acquisti di asset.

Tra marzo e novembre 2009, il MPC ha autorizzato l'acquisto di £ 200 miliardi di sterline di attività, per lo più il debito pubblico del Regno Unito o "gilt" (
sono i BTP Inglesi ndr). In ottobre 2011 il MPC ha votato per iniziare ulteriori acquisti di £ 75 miliardi e successivamente, nella riunione del febbraio 2012 il Comitato ha deciso di acquistare un supplemento di £ 50 miliardi. Nel mese di luglio il MPC ha annunciato l'acquisto di un ulteriore quota di 50 miliardi di sterline per portare il totale degli assets acquistati a £ 375 miliardi di sterline.

Lo scopo degli acquisti era ed è quello di iniettare denaro direttamente nell'economia al fine di stimolare la domanda nominale. Nonostante questo diverso metodo di attuazione della politica monetaria, l'obiettivo è rimasto invariato -  raggiungere l'obiettivo di inflazione del 2 per cento sulla misura CPI dei prezzi al consumo. Senza  quella  spesa extra  per l'economia, il MPC pensava che l'inflazione più probabile, sarebbe stata nel medio termine al di sotto del target previsto.

Questa politica di acquisti di asset è spesso conosciuto come 'quantitative easing'. Non comporta stampare più banconote. Inoltre, il programma di acquisto di asset non fornisce soldi alle banche. Piuttosto, la politica è progettata per aggirare il sistema bancario. La Banca d'Inghilterra crea nuova moneta elettronica e lo utilizza per l'acquisto di gilt da investitori privati
​​come i fondi pensione e le compagnie di assicurazione. Questi investitori in genere non vogliono tenere liquido  questo denaro, perché produce un basso rendimento. Così tendono a utilizzarlo per l'acquisto di altri beni, come ad esempio le obbligazioni societarie e azioni. Questo riduce a più lungo termine i costi finanziari e incoraggia l'emissione di nuove azioni e obbligazioni.  (Tradotto da Primo Gonzaga su testo della Banca d’Inghilterra)
http://www.bankofengland.co.uk/monetarypolicy/Pages/qe/default.aspx

7 commenti:

  1. Accidenti, ma è così semplice?
    Incredibile.
    Grazie per il link alla fonte ufficiale. Se non lo leggessi non ci crederei.

    Carlo

    RispondiElimina
  2. Sembra semplice, ma anche nel 29 impiegarono molto a capirlo, e non lo compresero che dopo molti anni e molte macerie.
    Oggi però non capirlo è molto più grave perchè abbiamo già una esperienza storica importante (il 29) e dovremmo avere anche molti strumenti in più per capire. Eppure ci stiamo autodistruggendo perchè una intera classe politica europea segue il dogma della moneta. La cosa più incredibile è che i grandi supporter politici del modello UE di sacrifici assurdi sono i partiti più popolari, come la CDU della Merkel e il PD di Bersani. Lo ripeto, qui la sinistra e la destra non centrano, c'è di mezzo la sopravvivenza di interi sistemi produttivi di gruppi di stati. Ripeto anche che il problema non è L'Euro ma la politica della BCE e i vincoli assurdi del trattato di Maastrict.

    RispondiElimina
  3. Per rimetter in moto l'economia "è indispensabile che lo Stato restituisca al più presto 48 miliardi di crediti alle imprese", su un totale di 71 miliardi che il centro studi di Confindustria stima essere la massa del debito statale verso i propri fornitori. Il presidente ha spiegato che "in questo momento il paese è terrorizzato, i cittadini non investono più: è una situazione che non ho mai visto da quando
    faccio l'imprenditore, quindi da 50 anni", Non sono parole mie ma del Presidente di Confindustria Squinzi.



    RispondiElimina
  4. Da noi invece facciamo fallire tutto inseguendo un fantomatico rigore.

    Diffondimao questo link. facciamo capire che non ci sono solo le teorie della Troika.

    Marco 67

    RispondiElimina
  5. E' importante che la gente sappia quanto l'area euro sia governata da gente completamente disconnessa dalla realtà. La Gran Bretagna ancora una volta scegliendo di non aderire all'eurozona ha dimostrato una lungimiranza straordinaria. Questo la rende libera di fare la politica monetaria di cui sopra e di osservare dall'esterno il continente che va a picco. Grazie per aver pubblicato il testo tradotto. Ma dubito che ci sia bisogno che i tre personaggi (specialmente Bersani e Berlusconi lo leggano: loro credo conoscano bene la questione, ma per una ragione che mi sfugge stanno facendo l'interesse di altri e non degli italiani.

    RispondiElimina
  6. Anche Monti sapeva benissimo (per cultura economica doveva essere assolutamente al corrente) eppure ha fatto esattamente il contrario. Non mi interessa di Bersani o Berlusconi, ma dell'Italia e degli Italiani e cerco di diffondere il più possibile l'idea che non c'è solo la teoria economica del rigore.

    cara Valeria grazie del commento...... da parte di una signora poi vale 10 volte di più, quando parlo di questi temi con le donne..... in genere si annoiano a morte e devo cambiare discorso.

    RispondiElimina